Tematiche

Politica economica

CHOCOSUISSE si adopera per la piazza produttiva svizzera e per una concorrenza leale, con pari condizioni.

Accesso al mercato europeo

L'UE è il principale mercato per la vendita del cioccolato svizzero. L'accesso al mercato dei Paesi UE è pertanto determinante. Dopo la Brexit questo varrà anche per la Gran Bretagna, uno dei principali mercati per l'esportazione del cioccolato svizzero.

In seno agli Accordi bilaterali II, numerosi prodotti agricoli trasformati sono stati esentati da dazio negli scambi con Paesi dell'UE. Sarebbe però importante venisse siglato anche un accordo di libero scambio nel settore agrario. A causa della resistenza politica interna nei confronti di questo genere di accordi, l'accesso al mercato europeo delle materie prime da parte dei produttori svizzeri continua a essere negato, con conseguenti notevoli svantaggi per i produttori stessi in materia di prezzi delle materie prime in conseguenza della protezione doganale.

La Svizzera e l'UE hanno siglato la cosiddetta "soluzione doppio zero", con la quale rinunciano all'applicazione di dazi e rimborsi di dazi sullo zucchero nei prodotti trasformati. Questa rinuncia a misure di compensazione presuppone una gestione dei dazi sulla materia prima zucchero orientata al prezzo di mercato europeo. In caso contrario le aziende di trasformazione dello zucchero svizzero sarebbero svantaggiate in termini di competitività.

Accesso a mercati extraeuropei

Circa i tre quarti del cioccolato prodotto in Svizzera viene esportato in ben oltre cento Paesi. Di conseguenza assumono particolare importanza gli accordi di libero scambio, che garantiscono un accesso indiscriminato ai mercati extraeuropei.

Compensazione delle protezioni doganali sui prodotti agricoli

Per via dell'imposizione di protezioni doganali, i prezzi degli ingredienti come latte in polvere e burro sono molto più alti in Svizzera rispetto all'estero. Senza compensazione, i produttori svizzeri di cioccolato e altri prodotti subivano pesanti svantaggi in termini di competitività nei confronti dei concorrenti stranieri.

Nel mercato interno, la Legge federale sull’importazione di prodotti agricoli trasformati e, nel mercato delle esportazioni, un fondo privato dell'organizzazione di settore Interprofessione del Latte porgono una compensazione parziale . Questo fondo è stato allestito nel 2019 come soluzione privata successiva alla precedente "Legge sul cioccolato".

Nonostante le due misure di compensazione, permane una differenza di prezzo, dovuta alle politiche protezionistiche che mette i produttori svizzeri sotto pressione, sia nel mercato interno che sul fronte delle esportazioni. Nel 2019, in concomitanza con l'abolizione della "legge sul cioccolato", è stato tuttavia accordato agli esportatori il diritto a un regime del perfezionamento attivo secondo il diritto doganale. Questo regime apre l'accesso alle materie prime straniere per la successiva riesportazione in prodotti trasformati.

Politica agraria in generale

L'industria svizzera del cioccolato trasforma circa un terzo della produzione di zucchero e una grossa fetta della produzione di latte nostrano. Le decisioni in materia di politica agraria con ripercussioni sull'offerta di materie prime svizzere sono pertanto rilevanti per i produttori svizzeri di cioccolato. Per questo motivo, CHOCOSUISSE prende regolarmente posizione su temi di politica agraria.

Commissione competente: Commissione del commercio estero